Come fare una ricerca di keyword e raddoppiare ogni mese il traffico del tuo blog

ricerca di keyword
Fare una ricerca keyword efficace è il primo passo per creare un blog di successo, aumentare il traffico e le conversioni. Ecco come si fa.

Fare una ricerca di keyword efficace è il primo passo per creare un blog di successo, aumentare il traffico e le conversioni.

Facendo una ricerca di parole chiave, infatti, potrai riuscire a intercettare gli argomenti e le parole che vengono utilizzate dagli utenti per trovare gli argomenti che tratti nel tuo blog, così da poter creare contenuti più in linea alle esigenze della tua audience.

Se vuoi creare un blog e desideri quindi ottenere un volume elevato di lettori, devi imparare innanzitutto come eseguire una ricerca di keyword.

Ed è proprio di questo che parleremo in questo articolo. Ti spiegherò cos’è esattamente una ricerca di keyword, le differenze tra le varie parole chiave, come scoprire le keyword per le quali sono posizionati i tuoi competitor e tutti i migliori strumenti che ti serviranno per la tua keyword research.

Iniziamo!

Vuoi lanciare un blog e monetizzarlo?

Leggi allora la mia guida su come creare un blog da zero
e portarlo al successo

Che cos’è una ricerca di keyword?

keyword research

La ricerca di parole chiave, chiamata anche ricerca di keyword o keyword research, è quella tecnica SEO attraverso la quale vengono cercati i principali termini di ricerca su un certo argomento che vengono digitati sui principali motori ricerca, come Google.

Attraverso la ricerca di keyword, puoi andare non solo a trovare nuovi contenuti per il tuo blog, ma anche capire quali sono i migliori argomenti che dovresti trattare per attrarre nuovi clienti e aumentare il traffico del tuo blog.

Una ricerca di keyword efficace va a rispondere ad alcune domande cruciali, come ad esempio:

  • Quali sono gli argomenti più cercati nella tua nicchia?
  • Quante persone cercano queste parole chiave?
  • Quali sono gli argomenti correlati (e quindi, le keyword correlate)?
  • Quali sono le parole chiave utilizzate dai tuoi competitor?

Attraverso la ricerca di keyword, quindi, sarai capace di creare i migliori contenuti per il tuo blog, andando a intercettare le domande che il tuo pubblico pone per fornire loro la migliore risposta.

Come fare una ricerca di keyword e raddoppiare ogni mese il traffico del tuo blog Condividi il Tweet

Perché la ricerca delle parole chiave è così importante?

seozoom

Una delle competenze di un SEO Copywriter è anche la SEO, ossia l’ottimizzazione per i motori di ricerca.

La SEO è un insieme di tecniche e strategie che servono per posizionare i contenuti di un blog o di un sito web nelle posizioni più alte nei risultati di ricerca di Google. Più alto è il tuo contenuto nella SERP di Google, infatti, e maggiori sono le possibilità che gli utenti visitino il tuo sito web.

Le statistiche sui blog parlano chiaro: la ricerca delle parole chiave rimane ancora il cardine di ogni strategia editoriale di un blog.

I motivi?

  • Il 92,04% del traffico organico totale deriva da Google
  • Il 95% degli utenti si ferma ai risultati della prima pagina di Google
  • Quasi il 50% di tutti i click nei risultati di ricerca di Google vengono fatti sui primi 3 risultati di ricerca.

La ricerca di keyword è quindi fondamentale per trovare le migliori keyword da sviluppare nel blog e posizionarle nei primi risultati di ricerca di Google, così da ottenere la maggior parte dei click degli utenti.

Ma come si fa una ricerca di keyword? Vediamolo insieme.

Ricerca keyword: come iniziare

SEO

Per creare un piano editoriale dove raggruppare gli argomenti che svilupperai sul tuo blog, è importante prima di tutto scoprire cosa cercano le persone della tua nicchia quando fanno una ricerca su Google riguardo all’argomento che vuoi trattare.

Prima di iniziare la vera e propria ricerca di keyword, è importante quindi iniziare a stilare una lista di argomenti “base” del tuo blog. Non fare troppo caso alla forma in questo passaggio ma lascia che sia una sorta di brainstoarming.

Questi argomenti base sono quelli che andranno a formare le categorie del blog, i topic principali da sviluppare. Concentrati in particolare sui prodotti o sui servizi che offri o che intendi offrire.

Se ad esempio hai un sito di yoga, queste macrocategorie potrebbero essere:

  • Meditazione
  • Pratica dello yoga
  • Stile di vita yogico
  • Corso di yoga.

Una volta trovate le categorie principali, è il momento di approfondirle cercando i termini che il tuo pubblico utilizza per descrivere i tuoi prodotti o servizi.

Ci sono diversi modi in cui puoi fare questa ricerca. La prima è senza dubbio quella di ricercare nei blog, nei forum (come Quora) o nei gruppi di Facebook quali sono le domande più frequenti che vengono poste.

Il secondo modo è quello di utilizzare gli strumenti SEO che ti permettono di approfondire ulteriormente le tue ricerche, dandoti dei risultati anche in termini di numero di ricerche.

Esistono numerosi tool che puoi utilizzar per questa ricerca, come ad esempio

Ne parleremo in modo più approfondito tra un attimo.

Un’altra cosa molto utile che puoi fare per capire quali sono le migliori parole chiave che puoi sviluppare è quella di controllare per quali parole chiave si stanno posizionando i tuoi competitor.

Questo puoi farlo semplicemente con SEMRush (anche con il piano gratuito). Ti basta infatti andare sul menu laterale > Analisi dominio > Ricerca organica e potrai scoprire quali sono le principali keyword per le quali i siti competitor si stanno posizionando e tutti gli altri eventuali blog competitor che puoi analizzare.

Al termine di questa ricerca, avrai numerose parole chiave e idee che puoi utilizzare. Adesso è il momento di ottimizzare la nostra lista di keyword.

Le parole chiave a coda lunga (longtail keyword)

Dopo aver fatto la ricerca preliminare, probabilmente hai utilizzato gli strumenti SEO che ti ho consigliato per controllare anche il volume di ricerca di ogni keyword, ossia il numero di persone che cercano quella parola chiave su Google.

La cosa istintiva sarebbe quella di scegliere le keyword con il maggior volume di ricerca. Più persone che cercano significa infatti un numero più alto di click sul nostro blog, giusto?

E invece no, non è esattamente così.

Un dato importante che dobbiamo guardare, infatti, è la keyword difficulty, ossia la difficoltà che una keyword ha di posizionarsi, in base alla concorrenza.

Mi spiego meglio.

Torniamo al nostro blog di yoga. La keyword secca “yoga” ha sicuramente un volume di ricerca molto alto. Ma ha anche una competizione altissima e quindi una keyword difficulty elevata.

volume di ricerca keyword

Questo significa che difficilmente riuscirai a posizionarti nei primi risultati di ricerca, superando colossi come ad esempio Wikipedia, soprattutto se il tuo blog è ancora giovane.

La soluzione, quindi, è quella di concentrarci su quelle che vengono definite longtail keyword, ossia parole chiave a coda lunga.

Queste keyword sono formate da 3-5 parole e, come riportato anche da Hubspot, le keyword di oltre 4 parole rappresentano il 50% di tutte le ricerche che vengono fatte su Google.

Molto spesso, infatti, le persone utilizzano delle query conversazionali, ossia delle keyword che rappresentano una domanda, un po’ come se gli utenti “dialogassero” con Google.

Gli utenti sono infatti più propensi a cercare frasi del tipo “Come posso fare per…” piuttosto che cercare la keyword secca.

Queste parole chiave hanno quindi dei volumi di ricerca più bassi ma minor concorrenza ed è quindi più facile riuscire a posizionarsi nei primi risultati di ricerca.

Le migliori keyword sulle quali lavorare, specialmente all’inizio, sono quindi quelle che hanno:

  • alti volumi di ricerca
  • bassa concorrenza

caratteristiche che puoi controllare con i tool di cui ti parlavo prima, come ad esempio SEMRush.

Riuscire a intercettare e sfruttare queste keyword non è solo uno dei modi migliori per riuscire a posizionarsi bene su Google in breve tempo ma è anche più facile convertire i visitatori e monetizzare il tuo blog, dal momento che stai dando loro esattamente quello che stanno cercando.

Le parole chiave a coda lunga hanno meno concorrenza e attirano visitatori davvero interessati all'argomento di cui stai scrivendo Condividi il Tweet

Un altro motivo importante per concentrarsi principalmente sulle longtail keyword è quello di avere maggiori possibilità di posizionarsi negli snippet in primo piano di Google:

snippet

Esistono numerosi strumenti che puoi utilizzare per trovare delle keyword a corda lunga, come ad esempio SEMRush, Codalunga.net e Answer the Public.

Con Answer the Public, ad esempio, ti basta inserire una o due parole per ottenere tutte le longtail keyword collegate, come puoi vedere dall’esempio qua sotto.

answer the public esempio

Come analizzare le keyword dei tuoi competitor

spiare i competitor

Come abbiamo accennato, analizzare le parole chiave dei competitor è un’ottima strategia per sapere non solo per quali keyword si stanno posizionando ma anche per ottenere spunti utili su ciò che interessa il tuo pubblico.

Il tuo scopo deve essere quello di riuscire a creare contenuti tali da scavalcare tutti i competitor che si posizionano nei primi risultati di ricerca.

Ci sono principalmente 3 modi per analizzare i competitor:

  1. Analizzare le keyword e gli articoli meglio posizionati
  2. Ottenere una lista di gap di keyword
  3. Analizzare i primi risultati di ricerca su Google.

Tutto questo è possibile farlo tramite SEMRush.

SEMRush è uno strumento SEO a pagamento ma puoi utilizzarlo con funzioni limitate anche gratuitamente. Per quello che riguarda queste funzionalità, puoi utilizzare senza problemi la versione gratuita.

Crea quindi un account su SEMRush e segui i prossimi step per analizzare i tuoi competitor.

1. Analizza le keyword e gli articoli meglio posizionati

Una volta che hai creato un account gratuito su SEMRush, possiamo procedere per vedere quali sono gli articoli e le keyword meglio posizionate dei tuoi competitor.

Entra nella dashboard principale e nel menu a sinistra seleziona Analisi dominio > Ricerca organica.

Inserisci adesso l’URL del tuo primo competitor e lancia la ricerca.

analisi keyword competitor

Questa ricerca ti dà moltissimi spunti utili, come ad esempio:

  • I dati del traffico
  • Le principali keyword organiche
  • I principali cambiamenti di posizione delle keyword nella SERP di Google
  • Le funzionalità della SERP
  • Le pagine principali che si sono posizionate
  • I principali sottodomini
  • I competitor organici principali
  • La mappa del posizionamento competitivo.

Questo è un ottimo punto di partenza per fare una ricerca di keyword efficace.

2. Ottieni una lista di gap di keyword

gap di keyword

Un’altra funzionalità interessante di SEMRush che puoi utilizzare per la tua ricerca di keyword è lo strumento Gap di keyword, che ti permette di confrontare il tuo blog con quelli della tua concorrenza, in modo da scoprire quali parole chiave hanno trattato nel proprio sito o in un articolo specifico ma che non sono ancora presenti nel tuo blog o in un tuo articolo.

In questo modo puoi controllare i loro contenuti e creare articoli migliori, in modo da riuscire a superare i tuoi competitor nella SERP di Google.

Per utilizzare questo strumento, accedi alla tua dashboard di SEMRush e nel menu a sinistra scegli Analisi del dominio > Gap di keyword.

Inserisci poi la tua URL, quelle dei tuoi competitor e lancia la ricerca.

3. Analizza i primi risultati di ricerca su Google

analisi keyword

Nell’articolo sul SEO Copywriting abbiamo parlato a lungo del fatto che gli articoli devono essere rilevanti sia per i tuoi lettori, sia per Google. E un altro modo per scoprire quali sono gli argomenti che Google preferisce è di chiederlo proprio a Google.

Ma in che modo? Semplice.

Digita la keyword nella barra di ricerca di Google e analizza i primi 10 risultati di ricerca. Questi sono i tuoi principali concorrenti per quella keyword e se sono posizionati nella prima pagina di Google, significa che Google ha apprezzato quei contenuti.

Apri quindi tutti i primi 10 risultati, cerca di analizzare i contenuti e capire quale struttura e quale formato dovresti dare al tuo articolo. Sono articoli lunghi o corti? Su cosa sono incentrati? Contengono infografiche, video, immagini?

Questo ti darà informazioni preziose su cosa dovresti concentrarti maggiormente.

Generalmente, comunque, più effettuerai ricerche per parole chiave e più capirai in che modo rispondere all’intento di ricerca del tuo pubblico. Ma cosa si intende esattamente con intento di ricerca? Vediamolo insieme.

Comprendere l’intento di ricerca dei lettori

search intent

Ancora più importante della ricerca di keyword è comprendere l’intento di ricerca del tuo pubblico.

Più i tuoi articoli risponderanno alle domande che le persone fanno sul web e più i tuoi contenuti saranno apprezzati dal tuo pubblico.

Pensa a quando fai una ricerca su Google. Sicuramente non la fai sempre per lo stesso motivo. A volte, infatti, stai cercando informazioni su come piantare il basilico, oppure stai cercando recensioni su un prodotto da acquistare o ancora cerchi uno shop online perché voi acquistare qualcosa di specifico.

Questo obiettivo finale viene appunto chiamato intento di ricerca o search intent.

Esistono 3 intenti di ricerca principali:

  1. Ricerca navigazionali, ossia quando l’utente conosce già il nome del prodotto o del brand che sta cercando. Un esempio di ricerca navigazionale è ad esempio “Mobili IKEA” o “Facebook”.
  2. Ricerche informazionali, ossia quelle che si fanno per ricercare informazioni che non conosciamo e vengono solitamente eseguite per trovare cose come tutorial, suggerimenti, consigli, soluzioni. Un esempio è “come creare un blog” oppure “come fare la pizza in casa”. Questo solitamente è il principale intento di ricerca a cui risponde un blog.
  3. Ricerche transazionali, ossia quelle finalizzate a un’azione specifica, solitamente un acquisto, come ad esempio “vendita MacBook Pro” o “casa in affitto Venezia”.

Ancora una volta, SEMRush ci viene in aiuto anche in questo caso, automatizzando i risultati e offrendo una panoramica dei principali risultati per una data keyword.

Per farlo, torna sulla tua dashboard di SEMRush e nel menu a sinistra scegli Analisi keyword > Keyword Magic Tool e inserisci la keyword che vuoi analizzare.

Ecco i risultati per la ricerca “Come dipingere una parete”.

intento di ricerca

Da qui puoi avere una panoramica generale delle keyword correlate e delle domande che vengono poste su un determinato argomento.

Anche i box di Google possono aiutarti in questa ricerca, ad esempio controllando ciò che chiedono le persone e le ricerche correlate, come puoi vedere dagli screen qua sotto.

Le persone hanno chiesto anche

Ricerche correlate

Per quali parole chiave si posiziona già il tuo blog?

Se hai già un blog, puoi utilizzare alcuni strumenti per capire per quali keyword il tuo blog è già posizionato e con quali parole chiave i tuoi lettori stanno trovando il tuo sito web.

Per farlo, puoi utilizzare strumenti SEO come SEMRush o SEOZoom oppure attraverso la Google Search Console.

Sulla Search Console, ti basta infatti andare su Rendimento e nel box in basso puoi vedere tutte le keyword attraverso le quali le persone hanno trovato il tuo blog, con le relative impression (ossia in quanti hanno visualizzato il link al tuo blog), quanti hanno effettivamente cliccato sul link, la proporzione tra impression e clic (CTR, ossia click to rate) e la posizione in SERP di quella keyword.

9 strumenti per la ricerca di parole chiave (gratuiti e premium)

Adesso che abbiamo parlato in modo approfondito su come eseguire una ricerca di keyword, vorrai sicuramente iniziare a fare la tua prima keyword research. Ma quali sono i migliori strumenti SEO per farla?

Ecco quindi i miei tool preferiti. Tutti questi strumenti sono gratuiti o offrono una prova gratuita limitata in modo da poterli testare.

Ovviamente, gli strumenti a pagamento offrono molto di più e sono molto più utili ad aiutarti a posizionare il tuo blog sui motori di ricerca. Se hai appena iniziato la tua avventura nel mondo del blogging però, anche uno strumento gratuito può essere sufficiente.

1. SEMRush

semrush homepage

Uno dei miei strumenti preferiti e anche uno tra i migliori tool per un blog è senza dubbio SEMRush.

Tra la miriade di funzionalità di SEMRush, è doveroso citare quella che riguarda la ricerca di keyword. Ti basta infatti inserire una parola chiave per ottenere subito volumi di ricerca, competitor, keyword correlate, domande che vengono poste sull’argomento e così via.

semrush keyword

Se vuoi dare una svolta al tuo blog in termini di traffico, ti consiglio quindi di iniziare a utilizzare SEMRush.

Non farti ingannare dai piani a pagamento: per iniziare puoi utilizzarlo in modo totalmente gratuito. Certo, le funzioni sono più limitate rispetto al piano a pagamento ma per un solo blog, specie se agli inizi, è più che sufficiente.

Per utilizzare SEMRush in modo gratuito crea un nuovo account e poi crea un nuovo progetto con i dati del tuo blog. Et voilà, SEMRush è pronto all’uso!

⚠️ PS: SEMRush ha anche una Academy di corsi SEO gratuiti! Dai un’occhiata e segui quelli che preferisci.

Clicca qua per provare SEMRush gratuitamente

2. SEOZoom

seozoom homepage

Un altro SEO tool ch utilizzo frequentemente è SEOZoom, uno strumento 100% italiano.

Funziona un po’ come SEMRush anche se le sue funzionalità sono un po’ più limitate. Il punto a favore di questo tool è il prezzo. Se hai un solo blog, infatti, puoi sottoscrivere il piano blogger che costa solo 19€ al mese ma che ti darà degli ottimi ritorni in termini di visibilità e posizionamento.

Se poi unisci anche le strategie che ti ho spiegato per guadagnare con un blog, riprenderai la cifra spesa in pochi giorni. Per questo devi sempre utilizzare almeno uno strumento SEO per il tuo blog: non è mai una spesa ma sempre un investimento.

3. Twinword Ideas

twinword keyword tool

Twinword Ideas è un altro strumento gratuito per la ricerca di parole chiave.

Ciò che amo di Twinword è che raccoglie le parole chiave direttamente da Google, offrendo di conseguenza dei risultati molto più accurati di numerosi strumenti a pagamento presenti sul mercato.

Oltre alla ricerca di parole chiave, puoi andare a intercettare tutti gli argomenti trend del momento, con una relativa analisi che ti dice la probabilità che hai di posizionarti per quella parola chiave in base a ciò che hanno fatto i tuoi competitor.

4. Strumento delle parole chiave di Google

Strumento parole chiave google

Lo strumento di pianificazione delle parole chiave di Google è un’altra opzione valida per la tua ricerca di keyword dal momento che è un tool gratuito e ti fornisce informazioni estratte direttamente dai dati di ricerca di Google.

L’unica avvertenza è che per utilizzarlo devi prima creare un account Google Ads.

5. Google Trends

Google Trends

Un altro strumento utile per la ricerca di keyword è Google Trends, un tool gratuito offerto da Google.

Attraverso Google Trends puoi scoprire l’andamento delle parole chiave nel tempo, fare delle previsioni e scoprire quali sono le parole più cercate in un determinato periodo di tempo, in modo da scoprire i trend e sfruttarli per il tuo blog.

6. Ahrefs

ahrefs

Ahrefs è senza dubbio lo strumento SEO completo più potente per i blogger. Ha tantissime funzioni come ad esempio:

  • Controllo backlink
  • Strumento per le parole chiave di YouTube, Amazon e Bing
  • Generatore di parole chiave
  • Controllo link
  • Controllo del posizionamento delle parole chiave
  • Controllo collegamenti interrotti
  • Difficoltà delle parole chiave.

Ahrefs offre quattro piani a pagamento, ciascuno dei quali con maggiori funzionalità. Puoi provarlo per 7 giorni al prezzo di 7 dollari.

7. Surfer SEO

surfer seo

Un altro tool poco conosciuto in Italia ma utilizzato moltissimo all’estero, soprattutto in America, è Surfer SEO, un altro strumento per la ricerca di keyword che ti aiuta a ottimizzare i tuoi articoli e posizionarti meglio su Google.

Funziona un po’ come SEMRush, dall’analisi delle keyword all’ottimizzazione on-page.

PRO di Surfer SEO:

CONTRO di Surfer SEO:

  • il numero di ricerche è limitato, anche se è un limite alto e più che sufficiente per un solo blog.

E se cerchi altri strumenti, dai un’occhiata allora al mio articolo sui 36 strumenti per blogger indispensabili per creare un blog di successo.

8. Twinword Keyword Tool

twinword keyword tool

Twinword Keyword è uno dei migliori tool per la ricerca di keyword da utilizzare per scrivere al meglio i tuoi articoli.

Si tratta di uno strumento di ricerca di keyword gratuito che puoi utilizzare per intercettare le migliori parole e frasi per creare dei contenuti mirati e portare più traffico sul tuo blog.

La cosa che mi piace molto di Twinword è il fatto che raccoglie le parole chiave direttamente da Google e i risultati sono quindi molto più accurati di numerosi strumenti a pagamento presenti sul mercato.

Oltre alla ricerca di keyword puoi andare a intercettare tutti gli argomenti trend del momento, con una relativa analisi che ti dice la probabilità che hai di posizionarti per quella parola chiave in base a ciò che hanno fatto i tuoi competitor.

Rispetto al Keyword Planner di Google, che non è più gratuito come lo era un tempo, Twinword ti offre numerose parole chiave, volumi di ricerca mensili esatti e nuove idee per parole chiave correlate alla keyword che hai scelto.

9. WordTracker

wordtracker

Un altro strumento fighissimo per la ricerca di parole chiave è WordTracker.

Funziona un po’ come TwinWord ma ha una marcia in più in quanto analizza non solo le parole chiave per un blog ma anche le keyword di Amazon, YouTube ed Ebay.

Per farlo, ti basta inserire la keyword nella maschera di ricerca e scegliere nel menu a sinistra la piattaforma in cui deve essere fatta l’analisi di ricerca della parola chiave.

wordtracker maschera di ricerca

Se stai vendendo prodotti su Amazon o su Ebay o se hai un canale YouTube che vuoi far crescere, allora WordTracker ti aiuterà a posizionare al meglio i tuoi contenuti anche su queste piattaforme.

Conclusioni

La ricerca di keyword sta alla base di un piano editoriale strutturato in modo strategico e, di conseguenza, sta alla base di ogni blog di successo.

Attraverso la ricerca di keyword puoi assicurarti di creare contenuti sempre al top, che rispondono alle domande del tuo pubblico, in modo da aumentare il traffico e le conversioni sul tuo sito web.

Un ultimo consiglio prima di salutarci.

Quando fai una ricerca di parole chiave, non fermarti ai numeri. Percentuali, volumi di ricerca, traffico…

Ricorda che quando scrivi, non lo fai per i numeri: lo fai per le persone.

Cerca quindi di comprendere in modo sempre più profondo il tuo pubblico, ascolta le loro domande, i loro dubbi e le loro paure e cerca di offrire risposte e soluzioni concrete.

Trova nuovi argomenti che le persone vogliono leggere ma che altri blog non offrono. La ricerca di parole chiave è solo un trampolino di lancio.

Buon blogging!

firma

Vuoi lanciare un blog e monetizzarlo?

Leggi allora la mia guida su come creare un blog da zero
e portarlo al successo

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin

Leggi anche questi articoli

5 4 votes
Article Rating
Iscriviti
Notificami
guest
2 Commenti
Pià vecchi
Più nuovi Più vitati
Inline Feedbacks
View all comments
Veronica
Veronica

I tuoi articoli sono davvero esplosivi!! Sto cominciando ora e solo da questo blog riesco ad avere una valanga di informazioni utili.
Grazie davvero!